Se queste mura potessero parlare…

Vi siete mai chiesti quanti episodi, eventi, anni le mura che vi circondano abbiano passato? Ogni tanto ci si ferma a pensare, ed è da lì che nasce la famosa frase “se queste mura potessero parlare…”


Quando si trasloca e si inizia un nuovo capitolo in un posto completamente nuovo, può capitare di pensare a quanti segreti, litigi, amori e via dicendo quella nuova casa abbia già visto. Molto spesso si ritrovano addirittura cimeli di proprietari passati: foto, libri, lettere, tutti segni che quella stessa casa dove vivi in realtà ha già una vita propria e può raccontarla attraverso di essi. Nei film, per esempio, il più comune segreto che una casa ha è il passaggio segreto.


Ma ci sono anche altri oggetti oltre che ai classici camini con bottoni o librerie scorrevoli che nascondono il passato di una casa.


Nel blog Atlas Obscura Community, dove ogni persona racconta la sua più grande scoperta dopo il trasloco, la storia di Tim Holmes colpisce più di tutte.
Nel 1990 Tim compra un vecchio edificio nella città di Helena, nello stato del Montana per usarlo come studio per la sua arte. L’edificio era appartenuto per ben 100 anni all’ordine Cattolico, in particolare ad una comunità di suore che si occupavano della “Casa per le Donne Ribelli” fino al 1905, finché non è diventato un magazzino per la città.

Tim aveva deciso di ristrutturare l’edificio e quindi era necessario smantellare un muro. Quando arriva il momento di martellare il muro, Tim si accorge che quel muro era in realtà di cartone: c’è qualcosa nascosto dietro. Quando ha estratto l’oggetto dal caos che si era creato, si è accorto che non è altro che un bellissimo ritratto di una giovane donna, probabilmente una delle prime donne che vissero in quell’edificio. La donna ha un sorriso smagliante, un sorriso alquanto raro da avere se fai parte della “Casa per le Donne Ribelli”. Tim ha pensato: ribelle? Forse, ma sicuramente non infelice! Da quel momento in poi, quella donna è diventata la “fondatrice” della sua galleria d’arte, che controlla il suo lavoro con quel sorriso smagliante.


È capitato anche a voi di aver trovato un cimelio nella vostra nuova casa? Avete scoperto una storia del passato? Raccontaci la tua storia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − quattro =